Malware Apple: rischio password per Linux e Mac OS X


Il malware Apple ha subito una notevole crescita negli ultimi anni grazie alla cattiva abitudine degli utenti nel non dotarsi di software antivirus. La nuova minaccia si chiama Wirenet.1 e, avendo come obiettivo primario le password contenute nelle macchine Unix, riesce perfettamente ad operare sia in ambienti Mac OS X che in alcune versioni di Linux.

Sebbene il Mountain Lion sia stato presentato, dalla società di Cupertino, come sistema operativo più sicuro al mondo, la società russa Dr.Web, ha scoperto un nuovo trojan in grado di minacciare la sicurezza informatica di milioni di utenti di tutto il mondo. Si tratta di un nuovo duro colpo per la società fondata da Steve Jobs, la quale recentemente si è trovata a fronteggiare il pericoloso Flashback.

Si tratta di uno spyware in grado di salvare tutte le password immesse all’interno del browser. Una volta raccolte le informazioni queste verranno inviate a server remoti. Attraverso un’attività di keylogger quindi, i criminali hanno la possibilità di impossessarsi non solo delle credenziali di accesso per servizi come la posta elettronica ed i social network, ma anche conti bancari e codici di accesso alle carte di credito.

Chrome, Firefox e Safari sono vulnerabili a questa minaccia. Non sono ancora ben chiare le modalità di diffusione ma, il malware, si installa nella cartella di Home con il nome WIFIADAPT. Per contrastare la minaccia è necessario bloccare ogni comunicazione con l’indirizzo IP 217.7.208.65 attraverso gli appositi software come Little Snitch.